Quello che segue è un estratto di un devozionale tenuto da Anziano Holland nel 2009 presso la BYU (Università di Brigham Young). Il discorso si intitola “Il meglio deve ancora venire”.

Guardate avanti e ricordate che la fede punta sempre al futuro

Per l’inizio di questo nuovo anno non c’è, forse, necessità più grande, per noi, di fare ciò che il Signore stesso ha detto di fare: “Colui che si è pentito sei suoi peccati è perdonato, e io, il Signore, non li ricordo più” (Dottrina e Alleanze 58: 42).

La condizione, ovviamente, è che il pentimento sia stato sincero, ma quando così è e quando ci si è sforzati onestamente per progredire, se continuiamo a ripensare e rivivere e criticare qualcuno per i propri errori passati (e questo qualcuno potremmo essere noi stessi), allora ci rendiamo colpevoli di un peccato ancor più grosso.

Spesso riusciamo ad essere molto più duri con noi stessi di quanto non lo siamo con gli altri!

Ora sotterrate le vostre armi di guerra  come hanno fatto gli Anti-Nefi-Lehi nel Libro di Mormon, e lasciatele lì sepolte (vedere Alma 24). Perdonate e fate ciò che a volte è più difficile che perdonare: dimenticate.

E quando queste cose vi tornano in mente, dimenticatele ancora.

IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE

Ci si può ricordare continuamente di evitare di ripetere gli errori per poi finire a buttare tutto nel letamaio di cui parlò Pietro ai Filippesi.

Rigettate ciò che è distruttivo e continuate a rigettarlo fino a che non vi viene rivelata la bellezza dell’espiazione di Cristo così che possa illuminare il futuro della vostra famiglia, dei vostri amici e dei vostri vicini.

A Dio non importa molto di dove siete stati rispetto a quanto gli importi di dove siete e dove siete disposti ad andare con il Suo aiuto perché il meglio deve ancora venire.

Questo è ciò che la moglie di Lot non comprese; e lo stesso vale per  Laman, Lemuele e un mucchio di altre persone nelle scritture.

Questa è una cosa importante da considerare all’inizio di un nuovo anno; ed ogni giorno dovrebbe essere l’inizio di un nuovo anno e di una nuova vita. Questa è la meraviglia della fede, del pentimento ed il miracolo del vangelo di Gesù Cristo.

Il poeta Robert Browning ha scritto:

“Invecchia con me!
Il meglio deve ancora venire,
l’epilogo di cui il prologo non è che la ragione.
La nostra vita è nelle Sue mani.
Ecco c’è chi dice: “Per la mia vita ho un piano
e questa gioventù ne mostra solo la metà; confidati nel tuo Dio. Anela il tutto e non lasciar che timor ti prenda”

Alcuni di voi potrebbero domandarsi: c’è un qualche futuro per me? Che cosa possono portare per me un nuovo anno, un nuovo semestre, una nuova laurea o un nuovo amore, un nuovo lavoro o una nuova casa?

Sarò al sicuro? Avrò una vita sana? Posso fidarmi del Signore e del futuro? O sarebbe meglio guardarmi indietro; tornare indietro; restare nel passato? Il meglio deve ancora venire?

Ad ognuno in questa generazione io dichiaro: “Ricordate la moglie di Lot”. La fede è per il futuro; essa costruisce sul passato, ma non vi si sofferma mai per restarvi.

La fede crede che Dio abbia grandi cose da parte per ognuno di noi e che Cristo sia davvero il “Sommo Sacerdote dei futuri beni” (Ebrei 9: 11).

Mantenete lo sguardo sui vostri sogni, per quanto possano essere distanti e lontani; vivete per vedere i miracoli del pentimento e del perdono, di fiducia e dell’amore divino che cambierà la vostra vita oggi, domani e per sempre.

Questo è il buono proposito che vi chiedo di tenere per l’anno nuovo. Il meglio deve ancora venire.

Per leggere tutto il discorso su LDS.org, cliccate qui.