Due coraggiosi Santi degli Ultimi Giorni in Ucraina, hanno messo la loro fede all’opera, rischiando tutto per servire gli altri e riunirsi ai propri cari.

Vanya Gerasimov aveva letto sul giornale che l’assalto alla sua città di Kharkiv sarebbe iniziato alle 4:00 di giovedì 24 febbraio. Erano le 5 del mattino quando ha sentito i bombardamenti per la prima volta.

“Quando mi sono svegliato, riuscivo a sentire … alcune esplosioni lontane, e alcune vibrazioni”, ricorda Vanya. “Sono disteso nel mio letto e continuo a ripetere queste parole: ‘Spero che siano solo fuochi d’artificio'”.

Ma le esplosioni erano troppo forti per essere fuochi d’artificio, e si facevano sempre più vicine.

In un’altra parte della città, André Zinkovski, 36 anni, ha risposto a una telefonata di sua madre. “Ha detto: ‘Ci stanno bombardando'”, ricorda André.

“E io ho risposto: ‘Di cosa stai parlando? Sono le cinque del mattino. Lasciami dormire! … E poi ho sentito che fuori stava succedendo qualcosa”.

Ben presto si è reso conto che il trambusto che sentiva era il rumore dell’invasione che riecheggiava nella città.

“Mi sono sentito sopraffatto dalla paura”, dice André. “Non riuscivo davvero a capire. Il giorno prima ti addormenti in un paese in pace, e quando ti svegli, ti ritrovi in un paese assolutamente diverso che è in guerra”.

Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina e sede di 1,4 milioni di persone, si pensa sia stata uno dei primi bersagli strategici del conflitto. Situata nel nord-est del paese, si trova a meno di 20 miglia dal confine con la Russia.

In questi tempi incerti, Vanya e André, entrambi Santi degli Ultimi Giorni di Kharkiv, stanno facendo quello che possono per servire coloro che li circondano, uno a casa e l’altro in una città sconosciuta e lontana.

Due Santi degli Ultimi Giorni in Ucraina

La storia di Vanya

Vanya Gerasimov

Vanya Gerasimov e la fidanzata Cibi (fonte: LDSLiving.com)

Mentre il conflitto imperversava a poche ore dall’inizio dei bombardamenti, i pensieri di Vanya continuavano ad essere rivolti alla sua fidanzata, Cibi Becerra.

Vanya e Cibi si sono conosciuti mentre lavoravano alla Cumorah Academy, una scuola nella Repubblica Ceca gestita da membri della Chiesa. Cibi è rimasta ad assistere impotente alle notizie dalla scuola.

“Qui alla Cumorah, abbiamo un gruppo di studenti Ucraini”, dice. “Alcuni di loro hanno perso ogni comunicazione con le loro famiglie. … Siamo grati, però, che siamo qui insieme, in un luogo sicuro”.

Vanya ha deciso di fare un tentativo per lasciare l’Ucraina e raggiungere la Repubblica Ceca. Gli amministratori della Cumorah Academy lo hanno rassicurato che la scuola gli avrebbe fornito un posto sicuro e che si sarebbe riunito con Cibi.

Ha trovato un biglietto del treno in partenza due giorni dopo dall’inizio dei bombardamenti e ha iniziato a fare i bagagli.

Mentre salutava sua madre, ha provato una sorprendente sensazione di pace. “Fondamentalmente sapevo solo che la mia famiglia – quella che era a casa – sarebbe stata bene.

Avevo questa consapevolezza, questa sensazione”, dice. “E ho detto a mia madre: ‘Ci vediamo presto'”.

Mentre saliva su un taxi al crepuscolo con due zaini al seguito, a Vanya sembrava di guardare una città diversa. “Tutto è chiuso, non ci sono lampioni. È come l’apocalisse”, ricorda. 

Una volta arrivato sul treno, Vanya era ansioso di andarsene da questa nuova città che non riconosceva. Centinaia di persone si erano riversate sul treno e non c’erano posti disponibili.

“C’erano almeno dieci persone in [ogni] scompartimento destinato a quattro persone”, dice. “Così sono rimasto lì in piedi per 18 ore. Ho incontrato alcune persone dalla Siria, uno di loro era un giornalista e gli altri erano medici”.

Dopo un viaggio di 18 ore, il treno di Vanya è arrivato a Lviv, a oltre 600 miglia di distanza, vicino al confine polacco. È qui che il suo viaggio si è concluso. Vanya ha scoperto nuove restrizioni:

“Il governo ha attuato una legge che non permette agli uomini dai 18 ai 60 anni di passare i confini dell’Ucraina”, ricorda Vanya. Non ci sarebbe stato nessun gioioso ricongiungimento con Cibi alla Cumorah Academy.

Un bombardiere della II Guerra Mondiale non ha potuto bombardare il tempio

Bloccato a centinaia di chilometri da casa, Vanya ha capito di aver bisogno di un nuovo piano. Si è messo in contatto con i dirigenti locali della Chiesa a Lviv.

“Sono riuscito a contattare il presidente di ramo”, dice Vanya. “Mi ha rassicurato che sarebbe andato tutto bene. Mi ha detto: ‘vieni e ti daremo un posto dove stare’”.

A Vanya è stato dato del cibo e un riparo per pernottare presso la casa di riunione locale. Nella tranquillità della notte, si è chiesto cosa avrebbero portato i giorni a venire.

“Avevo questo ardente desiderio di aiutare, di andare da qualche parte, forse anche di andare a combattere da qualche parte”, ricorda.

La mattina seguente Vanya si è presentato all’ufficio del governo locale per dichiarare la sua presenza in città.

I funzionari gli hanno assegnato un alloggio in una scuola locale, dove si sarebbe unito a circa 50 altri sfollati che dormivano su materassi sul pavimento.

Mentre consegnava i suoi documenti, ha notato che la gente si affrettava a entrare e uscire dalla zona con i rifornimenti. Ha scoperto che i volontari stavano acquistando e aiutando a consegnare le forniture ai militari della zona.

Vanya ha deciso di unirsi ai volontari e ha trascorso lunedì e martedì camminando per tutta Lviv, acquistando forniture da spedire al personale militare ucraino.

“Ho comprato cinture, ho comprato scarpe, ho comprato zaini per granate per i soldati”, dice. L’unico articolo che non è riuscito a rintracciare è il nastro giallo, che i soldati si legano alle braccia o alle gambe per aumentare la visibilità notturna.

Vanya spera di riuscire a raggiungere il confine polacco, dove ha sentito che la gente ha più bisogno. Per ora continuerà a fare quello che può per aiutare a Lviv.

“Anche se resterò qui per un periodo di tempo limitato, probabilmente è quello che farò per ora”, dice.

“Ho un posto dove stare e [sto] aiutando le persone qui che ne hanno bisogno. … Oltre a questo, ho tutto – ho cibo, ho un posto dove stare, ho internet, ho la possibilità di fare la doccia, ho le scritture – quindi sono felice”.

La fidanzata di Vanya, Cibi, dice che i due sono riusciti a rimanere in contatto. “Sono grata che finora lui abbia ancora la connessione a internet e che possiamo chiamarci ogni sera e leggere le scritture, ma so che le cose non rimarranno così”, dice.

La storia di André

André Zinkovski: Santi degli Ultimi Giorni ucraini

Fonte: LDSLiving.com

Tornando a Kharkiv, André Zinkovski ha sentito le sue paure placarsi nei giorni dopo l’inizio dell’assalto alla sua città.

Oggi, migliaia di persone hanno già visualizzato i video postati su Instagram da André, che documentano ciò che sta facendo per servire gli altri durante il caos, ma inizialmente tutto quello che ha potuto fare è stato cercare di elaborare la propria situazione.

“È stato difficile rendersi conto di cosa stesse succedendo all’inizio. Sta veramente accadendo a me? Sta veramente accadendo nel mio paese e soprattutto nella mia città? Tutto ciò è reale?”, ha detto.

“Ma grazie alla mia fede, sono riuscito a fermarmi, respirare e capire che qualunque cosa accada, il Signore è dalla mia parte e mi sosterrà”.

André ha trovato per la prima volta il Vangelo all’età di 13 anni, quando i missionari della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni hanno bussato alla porta di casa sua.

“Non parlavano perfettamente il Russo, ovviamente, ma le cose che spiegavano sulla Chiesa e sulla Restaurazione… avevano senso, e ci siamo battezzati. E dopo abbiamo solo cercato di vivere il più fedelmente possibile”, dice.

“Ci sono stati dei momenti nella mia vita in cui la mia fede è stata messa alla prova”, dice André, “ma non come in questo periodo, da quando è iniziata la guerra”.

Dopo essersi reso conto di non poter più esercitare il proprio lavoro di fattorino, André ha dovuto prendere una decisione. “Ho pensato, ‘Cosa farai … durante questo periodo di grande incertezza?

E poi mi è venuta in mente quest’idea di aiutare gli altri”, ha detto.

Si è ricordato della riserva di cibo conservata nel suo appartamento e ha deciso di condividerla con gli altri. Parlando delle direttive della Chiesa di tenere una scorta di cibo di emergenza, André ha detto:

“Non sono mai stato un grande fan di questo consiglio perché, voglio dire, viviamo nel 21° secolo! Viviamo in Ucraina.

Non ci sono terremoti o inondazioni o cose del genere. Non ci sono uragani. … Ma per seguire il profeta, naturalmente ho accumulato questa scorta di cibo che occupa buona parte dello spazio nel mio appartamento”, ha detto.

“Quando è scoppiata la guerra mi sono ricreduto e mi sono sentito grato di aver dato ascolto ai suggerimenti dei profeti”.

Un video che André ha postato su Instagram lo mostra mentre smista la sua scorta di cibo e tira fuori farina, acqua, miele, medicine e altri beni essenziali.

In lacrime spiega che sta portando le provviste alla sua vicina anziana, che è bloccata nel suo appartamento da sola. “Sono grato di avere la possibilità di condividere la bontà con altri che sono meno fortunati”, dice nel video.

Guerre o rumori di guerra? Percepire la violenza in un mondo di pace

Questa domenica, André ha partecipato alla riunione sacramentale su Zoom. “È stata una grande riunione domenicale”, dice. “Non c’è stato nessun discorso sulla guerra o cose simili.

Nessuno ne ha parlato. Ci sono stati grandi messaggi edificanti provenienti dai membri. È stato come prendere una boccata d’aria fresca dopo questi giorni terribili”.

Col peggiorare della situazione a Kharkiv, André si è trasferito da sua madre, più lontano dalla città. Nonostante la distanza dall’invasione, la loro casa è costantemente scossa dalle esplosioni nelle vicinanze, che fanno tremare le finestre e i nervi.

André dice che una bomba ha colpito un punto “estremamente vicino” alla loro casa. “C’è stata questa esplosione, e tutto il nostro edificio ha tremato.

La botola [dell’attico] si è rotta ed è crollata, dice André. “Non sono caduto, ma ho tremato!”

Il martedì successivo, André è andato al magazzino di un fornitore per vedere se c’era del cibo disponibile. È riuscito a procurarsi una cassetta di mele, insieme ad alcune arance e banane.

Ha subito pensato alle vicine stazioni della metropolitana, dove centinaia di cittadini si sono riparati dai combattimenti.

“Ho pensato: ‘Prendi questa cassetta di mele e portala giù alla metropolitana e vedi come stanno le persone lì'”.

Due coraggiosi Santi degli Ultimi Giorni a Kharkiv, in Ucraina, hanno messo la loro fede all’opera, rischiando tutto per servire gli altri e riunirsi ai propri cari.

Due coraggiosi Santi degli Ultimi Giorni a Kharkiv, in Ucraina, hanno messo la loro fede all’opera, rischiando tutto per servire gli altri e riunirsi ai propri cari.

André era stato alla stazione la settimana precedente, ma le cose sembravano molto peggio ora. “Ti rende umile”, dice.

“Quando scendi e vedi tutte quelle persone – con i loro bambini, con i loro letti, con i loro anziani – che cercano solo di sopravvivere e fare un letto sul pavimento della metropolitana… Non c’è niente di più che possano fare”, ha ricordato tra le lacrime.

André ha intenzione di continuare ad aiutare nei prossimi giorni, anche se l’incertezza incombe.

“Si spera che tutto questo finisca presto, e ogni giorno i telegiornali dicono [che presto gli invasori] se ne andranno, e così tutti sperano che tutto questo finisca domani.

Ma domani arriva e sentiamo le sparatorie, sentiamo le bombe che esplodono, sentiamo che la nostra gente viene uccisa”.

In questi giorni difficili, sconosciuti da tutto il mondo hanno seguito la storia di André su Instagram e hanno inviato denaro e incoraggiamento.

“Quei messaggi di persone che mandano parole di sostegno – questo è ciò che mi ha fatto andare avanti. Questo è ciò che mi sta aiutando in questo momento a non essere devastato e depresso, dice André.

“Forse per qualcuno sono solo parole, ma per me è un sostegno enorme. L’unico sostegno che ricevo sono le parole. … Questo fa la differenza”.

Due Santi degli Ultimi Giorni in Ucraina decidono di servire il prossimo è stato originariamente scritto da  ed è stato pubblicato su ldsliving.com, intitolato Ukrainian Latter-day Saint shares precious food storage supplies with neighbors. Italiano ©2020 LDS Living, A Division of Deseret Book Company | English ©2022 LDS Living, A Division of Deseret Book Company