Ciao a tutti, in questo articolo spiegheremo alcuni principi base della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in modo un po’ più diretto del solito.

Nel 1842 Joseph Smith, il primo profeta e presidente della Chiesa di Gesù Cristo, scrisse 13 brevi dichiarazioni che spiegano il credo principale dei Santi degli Ultimi Giorni. Il numero 11 cita quanto segue:

“Noi rivendichiamo il privilegio di adorare Dio Onnipotente secondo i dettami della nostra coscienza e riconosciamo a tutti gli uomini lo stesso privilegio: che adorino come, dove o ciò che vogliono.”

In altre parole, alcune persone sono profondamente attratte dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, ma se non lo siete, va bene lo stesso.

Probabilmente vi capiterà di ritrovarvi i nostri missionari che bussano alle vostre porte perché vogliono condividere il nostro credo con voi, e pensiamo che abbiamo molte cose interessanti da offrirvi. Tuttavia, se non siete interessati, fate voi.

Le differenze di opinione rendono la vita interessante.

Ma speriamo che cattolici, protestanti, ebrei, agnostici, atei, musulmani, e chiunque altro possa ugualmente guardare i nostri video senza sentirsi criticato per il proprio credo e senza il bisogno di criticare.

Libertà di religione: È giusto essere liberi di adorare come, dove e ciò che vogliamo?

Il Signore non rispondeIl Dio in cui crediamo ci ama a prescindere dal gruppo religioso a cui apparteniamo ed Egli ci comanda di amarci l’un l’altro a prescindere dal gruppo religioso di cui apparteniamo.

I due grandi comandamenti (Matteo 22:35-40) sono di amare Dio e di amare il nostro prossimo.

Il secondo comandamento non è condizionato a quanto il vostro credo sia simile al mio.

Il punto è che siamo tutti figli di Dio e che siamo tutti nella stessa barca. Gesù Cristo non ha pagato solo per i peccati dei Santi degli Ultimi Giorni. Egli ha pagato per i peccati di tutta l’umanità. E se Cristo vi ama abbastanza da morire per voi … anche io amerò voi.

Non siamo troppo preoccupati per tutta la faccenda di paradiso ed inferno perché crediamo che, essenzialmente, tutta l’umanità andrà in qualche posto in cielo; ma di questo ne parleremo più avanti, quando parleremo del Piano di Salvezza.

La verità è che a volte è più importante amare le persone piuttosto che provare che hanno torto su qualcosa (abbiamo tutti visto quanto la sezione dei commenti sia efficace per cambiare la mentalità delle persone).

Nel 1842 un direttore di giornale, di nome John Wentworth, scrisse a Joseph Smith per saperne di più in merito a ciò che i Santi degli Ultimi Giorni credevano. In risposta, Joseph Smith gli mandò gli “Articoli di Fede”. Non stava cercando di convertire Wentworth e Wentworth non stava cercando di smentire Joseph.

Speriamo che questi video portino uno spirito simile. Quindi, se siete curiosi di sapere in cosa credono i Santi degli Ultimi Giorni, siete i benvenuti. Iscrivetevi al canale, lasciate un commento se avete qualche domanda.

Abbiamo altri 12 Articoli di Fede di cui parlare, quindi aspettatevi di vedere presto il numero uno.

Scopriamo di più

Eventi storici:

I primi immigrati in America provenienti dall’Europa erano per lo più cristiani. Ma le diverse sette protestanti dibattevano tra di loro così come facevano protestanti e cattolici.

I pellegrini ed i puritani che abbiamo studiato a scuola non tolleravano idee che non fossero in linea con le loro credenze.

Questi lasciarono l’Inghilterra perché erano perseguitati dalla Chiesa di Inghilterra; ma quando arrivarono in America, volevano che prevalesse solo la loro forma di culto. I cattolici e altri non-puritani furono banditi dalle loro colonie.

Quando l’America divenne una nazione, ogni Stato stabilì le proprie leggi in merito alla libertà di religione. Nel Massachusetts, un cattolico non poteva ricoprire cariche pubbliche a meno che non rinunciasse all’autorità del papa.

Nel Maryland, i cattolici avevano pieni diritti, ma gli ebrei no.

Nel 1790, dopo molte controversie tra alcuni degli statisti più famosi della storia americana, l’America divenne un paese laico, il che significa che non avrebbe richiesto ai suoi cittadini di appartenere a una determinata religione o di favorire una determinata religione.

Joseph Smith nacque nel 1805, quindi questa idea non solo era nuova, ma molti americani ancora non ci credevano.

Gli atteggiamenti in America cambiarono lentamente. C’erano molti americani anticattolici, perché erano protestanti che si erano ribellati all’autorità del Papa.

Più o meno nello stesso periodo alcune chiese cattoliche furono bruciate…

Joseph Smith fondò una nuova religione americana e presto incontrò l’ira della maggioranza protestante dominante. Nel 1832, una folla lo ricoprì di catrame e piume, segnando l’inizio di una lunga battaglia tra l’America cristiana e il mormonismo di Smith.

Nell’ottobre 1838, dopo una serie di conflitti sui terreni e sulle tensioni religiose, il governatore del Missouri, Lilburn Boggs, ordinò che tutti i mormoni fossero espulsi dal suo Stato.

Tre giorni dopo, dei soldati corrotti massacrarono 17 membri della chiesa, compresi bambini, nell’insediamento mormone di Haun’s Mill.

Nel 1844 una folla assassinò Joseph Smith e suo fratello Hyrum mentre erano imprigionati a Carthage, Illinois. Nessuno venne mai condannato per questo crimine (Smithsonian Magazine).

Soprattutto con questa prospettiva, la dichiarazione di Joseph Smith nell’undicesimo Articolo di Fede è piuttosto pacifica e amorevole.

Leggi anche:

Perché la religione è importante: formare degli individui attraverso gli altri

Situazione attuale:

I Santi degli Ultimi Giorni tengono a cuore la libertà di religione e i nostri dirigenti della chiesa lavorano duramente per assicurarsi che ci sia e che continui. Non solo vogliamo che le persone abbiano la libertà di culto, ma vogliamo essere amici.

La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni collabora costantemente con altre religioni e con altre chiese in progetti di aiuto umanitario e soccorsi di emergenza. Nel 2017 la Chiesa di Gesù Cristo ha collaborato con 1.800 partner.

La libertà di religione: a chi spetta questo privilegio? È stato scritto da un collaboratore.