Scienza e Religione: due rette parallele che non si incontreranno mai. È davvero così?

Vi sono molte scoperte scientifiche che confutano alcune delle dottrine evangeliche più importanti. O per lo meno sembrano farlo.

Per esempio, cosa insegna la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in merito alla teoria dell’evoluzione? La pone in contrasto diretto al Creazionismo?

La teoria dell’evoluzione: la posizione ufficiale della Chiesa

Talvolta, come membri della Chiesa ci viene chiesto se crediamo in Adamo ed Eva o nella teoria dell’evoluzione.

In un articolo pubblicato dalla Chiesa, intitolato “Cosa crede la Chiesa sull’evoluzione?” (disponibile solo in Inglese a questo link) si legge: 

“La Chiesa non ha una posizione ufficiale sulla teoria dell’evoluzione. L’evoluzione organica, o cambiamento dei tratti ereditari della specie nel tempo, è una questione che compete gli studi scientifici. Non è stato rivelato nulla sull’evoluzione.”

In altre parole, non abbiamo una dottrina secondo cui l’evoluzione sia vera, così come non abbiamo una dottrina secondo cui l’evoluzione non sia vera.

Si può essere un fedele Santo degli Ultimi Giorni e credere ciò che vuole in merito alla teoria dell’evoluzione. 

Detto questo, non è un segreto che l’evoluzione venga insegnata nelle scuole private di proprietà della Chiesa.

Il “Life Science Museum” – ovvero il museo di scienze naturali – presente all’interno del campus della BYU, per esempio, ospita una mostra interamente dedicata all’evoluzione.

È un argomento che è stato insegnato per oltre un secolo alla Brigham Young University. 

Quindi, sebbene la Chiesa non abbia una posizione ufficiale a riguardo, i dirigenti ne approvano l’insegnamento e non la considerano in alcun modo contrapposta all’avere fede in Dio.

Come far coesistere la fede nel creazionismo e la fiducia nella teoria dell’evoluzione?

la teoria dell'evoluzione Tuttavia, ci sono molte persone che credono che la teoria dell’evoluzione e alcune dottrine, quali la storia della creazione, non possano coesistere.

A che punto subentrano i dinosauri? C’era qualche forma di vita o di morte prima di Adamo ed Eva?

Loro furono realmente i primi esseri umani sulla Terra? Come possiamo far quadrare tutte queste domande?

Sinceramente, dal momento che la Chiesa non ha una posizione ufficiale a riguardo e che non ci sono dichiarazioni dottrinali definitive per quanto concerne l’evoluzione in rapporto alle scritture, ognuno può affrontare la tematica come meglio crede. 

Detto questo, forse potrebbe essere d’aiuto considerare alcune delle dichiarazioni più recenti da parte della Chiesa relative a questo tema come punto di riferimento. 

Per esempio, un articolo del 2016 intitolato “Cosa crede la Chiesa riguardo ai dinosauri” dice: 

“I dinosauri hanno vissuto e sono morti sulla terra molto prima che ci fosse l’uomo? Non c’è stata nessuna rivelazione a riguardo e le evidenze scientifiche dicono di sì.

(Potete approfondire il tema studiando paleontologia, se volete).”

Oppure: 

“I dettagli di ciò che accadde su questo pianeta prima di Adamo ed Eva non sono una nostra grande preoccupazione dottrinale.

I racconti della Creazione nelle scritture non intendono fornire una letterale spiegazione scientifica dei processi, dei periodi di tempo o degli eventi coinvolti.”

In altre parole, scienza e religione sono due cose molto diverse con due scopi molto diversi.

A volte pensiamo che, siccome le scritture sono “vere”, tutto ciò che vi è scritto sia un fatto scientifico assoluto. Ma la verità è che la Bibbia non è mai stata concepita come testo scientifico.

Forse, tentare di far combaciare le due cose sarebbe come provare ad infilare un piolo quadrato in un foro tondo. 

La risposta è che non abbiamo una risposta

la teoria dell'evoluzioneLa Creazione è davvero avvenuta in 6 giorni da 24 ore? Non necessariamente.

Adamo fu letteralmente creato dalla polvere? Non necessariamente. 

Eva fu letteralmente creata da una costola presa da Adamo? Non necessariamente.

Le scritture ci dicono che l’uomo fu creato, ma non ci dicono in che modo. Però, dalle scritture impariamo che:

“In quel giorno, quando il Signore verrà, rivelerà ogni cosa: cose che sono passate e cose nascoste che nessuno seppe; cose della terra, mediante le quali essa fu creata, e lo scopo e il fine d’essa; cose preziosissime, cose che sono al di sopra e cose che sono al di sotto, cose che sono nella terra, e sulla terra e in cielo.” (Dottrina e Alleanze 101:32-34)

Arriverà il giorno in cui riceveremo risposte a queste domande.

Nel frattempo, lasciamo che sia la Scienza ad occuparsi dei cosa e dei come, e la Religione ad occuparsi dei perché, e attingiamo da entrambe le fonti ciò che è per il nostro beneficio. 

Evitiamo le speculazioni

la caduta di Adamo ed Eva

The Expulsion of Adam and Eve from Paradise, 1791, by Benjamin West.

Un avvertimento: quando parliamo della posizione della Chiesa riguardo alla teoria dell’evoluzione e le domande che ne scaturiscono, così come per altre tematiche, si corre il rischio che le conversazioni si trasformino in una partita a scacchi dove le opinioni di dirigenti della Chiesa del passato sull’evoluzione vengono fatte passare per dichiarazioni ufficiali:

“B.H. Roberts ha detto questo, ma Joseph Fielding Smith ha detto quest’altro; John Widtsoe ha detto questo, ma Bruce R. McConkie ha detto questo, e James E. Talmage ha detto quest’altro…”

Quindi, con tutte le opinioni e le domande che ne derivano a cui non abbiamo risposta, mi sembra sensato che la Chiesa non abbia una posizione ufficiale. 

Potrebbe cambiare in futuro? Assolutamente si. 

La restaurazione è in corso, le scoperte scientifiche sono in corso, e la rivelazione è in corso. Dio deve ancora rivelarci “molte cose grandi e importanti”.

Scienza e Religione: il “tempo” spiegato tramite il Vangelo di Gesù Cristo

Ci sono molte domande a cui non abbiamo risposta.

L’importante è accettare questo come un dato di fatto, con tutta la tranquillità possibile, ed evitare pericolose speculazioni che rischiano di essere spacciate per “verità assodate”.

chatta con noi