I tentativi di Sheri Farley di approcciarsi al cibo vegetariano non è durato a lungo. Una volta tornata alla classica dieta americana, ha iniziato a mettere su peso. Svariate diete la hanno aiutata a perdere peso, ma queste perdite non sono mai durate a lungo; facendosi piano piano strada fino ai 160 Kg.

A questo punto non faceva che essere malata e sfinita. Quando il suo medico le ha suggerito una dieta senza grassi raccomandando il vegetarianismo, lei ha tentato di nuovo con entusiasmo; ma nonostante abbia perso un po’ di peso, doveva ancora combattere con i demoni della dipendenza da cibo.

Sheri voleva mangiar sano e perdere quel peso che la aveva tormentata da tutta la vita, ma sembrava proprio che non potesse riuscirci.

“Mi sentivo come se stessi perdendo una battaglia… non c’era speranza… ero andata troppo oltre” ricorda Sheri aggiungendo di essersi sentita “Fuori controllo come un’alcolizzata”, ma proprio questo pensiero le ha ricordato di un’amica che aveva perso peso frequentando un programma di 12 passi contro la dipendenza da cibo.

La Parola di Saggezza

Qualcosa era scattato e Sheri si era decisa a frequentare il gruppo di recupero dalle dipendenze. Dopo il suo primo incontro ha detto:

“Sapevo di trovarmi dove avrei trovato il supporto e un rifugio dai tormenti datimi dal cibo e dal mio peso”.

La chiave del programma da 12 passi era riconoscere che la dipendenza aveva reso la sua vita insostenibile, ma che “C’è Qualcuno che può fare per te ciò che tu non puoi fare per te stesso”.

Sheri ha detto: “Mi sono rivolta al Signore in preghiera e gli ho chiesto che cosa voleva che facessi riguardo al cibo”. Il Signore la diresse verso la Parola di Saggezza e verso una dieta a base di piante dandole la forza di andare avanti.

Con l’aiuto della dieta, della Parola di Saggezza e con il Programma di recupero dalle dipendenze SUG (dei Santi degli Ultimi Giorni) in 12 passi, Sheri è riuscita a mantenere la perdita di peso sui 90 Kg in due anni. ora quel cibo e quel peso non la tormentano più e non ha alcuna intenzione di tornare a mangiare in quel modo!

Partecipa ancora ad un incontro settimanale di recupero dalle dipendenze offerto dalla Chiesa; ha detto: “ho provato a combattere [il cibo] per conto mio, ma l’Espiazione di Gesù Cristo fa si che non debba più affrontare quella difficoltà senza di Lui al mio fianco”.

Ho recentemente chiesto a Sheri di dirmi che effetti ha avuto su di lei questo cambio di dieta; ecco cosa mi ha detto:

“Quando pesavo più di 130 Kg soffrivo di apnea nel sonno (ero così grave che non mi volevano lasciare dormire durante il test del sonno per timore che andassi in arresto cardiaco), pressione sanguinea alta, prediabete, fascite plantare (infiammazione della parte inferiore del piede) ed osteite (processo infiammatorio di origine traumatica).

Dopo aver perso peso non avevo più nulla di tutto ciò; non dovevo più portarmi dietro un CPAP (metodo di ventilazione respiratoria usato nel trattamento delle apnee del sonno) quando viaggiavo, niente più sedie a rotelle a Disneyland, né estensioni per la cintura sugli aeroplani (e niente più preghiere nella speranza di non andare in bagno sull’aereo!).

Successe tutto gradualmente man mano che il peso scendeva, ma ripensandoci ricordo tutti gli svantaggi dell’essere sovrappeso; ma la parte migliore della mia nuova vita è la vicinanza che sento con il Signore ed osservare la Parola di Saggezza ne è ormai parte integrante.”

NON DOBBIAMO FARLO DA SOLI

Amo sapere che “C’è Qualcuno che può fare per te ciò che tu non poi fare per te stesso”. Non siamo fatti per affrontare le cose difficili, che dobbiamo fronteggiare in questa vita, da soli; anzi, è impossibile riuscirci da soli.

Il punto, in questa vita, è proprio imparare a fidarci di Dio e della Sua capacità di fare per noi ciò che noi non possiamo fare per noi stessi; è il potere dell’Espiazione. se la dipendenza da cibo può insegnarci questa vitale lezione di vita, allora quanto siamo benedetti ad avere la possibilità di sperimentarla!

Che abbiate sperimentato una dipendenza da cibo o meno, vi raccomando caldamente il “Programma di Recupero da Dipendenze” SUG.

Quando pensiamo alle dipendenze pensiamo alle droghe e all’alcol, ma le dipendenze si mostrano in molte varietà; e il cibo è una delle dipendenze più comuni nella comunità SUG.

Dai miei studi sulla dipendenza da cibo, non si tratta di una sfida che la gente riesce a superare semplicemente attraverso la “forza di volontà”; ci serve il potere di Dio!

Il supporto da parte di un programma di 12 passi è stato la chiave per il successo di Sheri Farley, così come per quello di Janet Carter (in primo piano la scorsa settimana nell’articolo: “Un’altra trasformazione”).

Jane Birch di ldsmag.com