In DeA 8, il Signore dona ad Oliver Cowdery il potere di tradurre le tavole d’oro. Il Signore lo guida quattro volte, nei versetti 1, 9, 10 e 11, affinchè chieda a Lui l’aiuto di cui ha bisogno, per la traduzione.

In DeA 9, scopriamo che Oliver era perfettamente obbediente a questa sua guida, nel chiedere, ma non è riuscito, ed è stato castigato dal Signore, perché egli non lo ha “studiato nella sua mente”.

Perché il Signore gli ha detto quattro volte di chiedere, nella sezione 8, e non gli ha mai detto nulla sul doverlo studiare nella sua mente?

La risposta alla tua domanda si trova nella sezione 9:

5 Ed ecco, è perché non hai continuato come quando hai iniziato a tradurre, che ti ho tolto questo privilegio.

Ora sembra molto probabile che prima che Oliver Cowdery chiedesse aiuto, dovesse riflettere e studiarlo. Quando poi chiedeva, il Signore gli dava i pezzi mancanti; l’autorizzazione e le istruzioni per chiedere con fede.

A quanto pare Oliver, come molti di noi, era concentrato sul nuovo materiale e trascurava le azioni e i comportamenti che lo avevano portato là, in primo luogo. Questo può essere un difetto fin troppo comune.

Quando Dio ha aiutato Oliver Cowdery

oliver cowderyNaturalmente Dio, essendo Dio, sapeva che questo sarebbe accaduto. Perché Egli non è intervenuto per correggerlo? Questa è semplicemente un’altra forma della domanda ‘Perché Dio non ferma le cose cattive?’ Noi semplicemente abbiamo fede che Dio sappia quello che sta facendo e che quello che sta facendo è per il meglio.

Questo ci lascia con la speculazione. In questo caso mi sento di ipotizzare che Dio non avesse bisogno che Oliver traducesse il Libro di Mormon (Joseph Smith era stato chiamato per questo), ma aveva bisogno di insegnare ad Oliver come ricevere le risposte da Dio.

Ora, Dio è un maestro, e so che a volte ho imparato più dai miei errori e non necessariamente più dai miei successi. Forse questo era ciò che Oliver doveva, alla fine, imparare?

Anche Oliver era un maestro di scuola, di professione, quindi non avrebbe avuto bisogno di essere informato che sarebbe stata necessaria una certa misura di rigore intellettuale, per intraprendere il lavoro di traduzione.

Da qui, l’assenza dell’ingiunzione “studiarlo nella tua mente”, nel capitolo 8 di DeA.

Quello che io percepisco in modo generale, è un delicato tono che dice “dovresti conoscerlo meglio.” In DeA 9 diventa chiaro che qualsiasi processo Oliver abbia usato, mancava di reale sforzo intellettuale, da parte sua.

So che a causa della richiesta e delle lotte di Oliver, abbiamo Dottrina e Alleanze sezioni 8 e 9. Questo permette a tutti noi che leggiamo, di meditare le parole e le istruzioni, per imparare anche le lezioni che Dio insegnava ad Oliver.

Quante centinaia o migliaia di persone hanno ricevuto un insegnamento, anche a causa di questi eventi?

Mentre i miei pensieri sono speculativi, in realtà non è così difficile, per me, pensare ad alcune buone ragioni per le quali Dio avrebbe potuto lasciare che questo accadesse.

In ogni caso, per chi fosse interessato, la Chiesa ha pubblicato un articolo che riguarda gli eventi in questione qui. Potete leggerlo qui.