Conferenza Generale di aprile 2020: dopo circa 8-10 ore di conferenza può essere difficile tenere traccia di tutto quello che i dirigenti hanno detto. Ma niente paura!

Abbiamo scavato tra tutti i discorsi e abbiamo stilato una lista comprensiva di tutti i loro preziosi consigli!

A titolo informativo, sono proprio tanti consigli! Date un’occhiata e cliccate sul discorso che vi piacerebbe leggere. Buon divertimento!

L’obiettivo principale della nostra vita è quello di prepararci ad incontrare il nostro Creatore (Russell M. Nelson).

Russell M. Nelson - Conferenza Generale di aprile 2020

Fonte: churchofjesuschrist.org

Le prove della vita possono giungere inaspettate e possono riguardare diversi aspetti. Quando questo accade, come resistere? È importante essere preparati dal punto di vista materiale ma è altrettanto importante prepararsi spiritualmente, sviluppando fede in Cristo.

Impegniamoci ogni giorno a diventare più simili al nostro Salvatore e pentiamoci quotidianamente. Così facendo riceveremo il Suo potere guaritore e corroborante. Questo ci porterà pace e gioia anche nei momenti turbolenti.

Il Salvatore riparerà tutto ciò che abbiamo rotto. Ci comanda di fare tutto ciò che possiamo per fare ammenda come parte del nostro pentimento (James R. Rasband).

James R. Rasband

Fonte: LDS.org

L’Espiazione di Gesù Cristo può riparare quello che non può essere riparato e guarire ciò che non può essere guarito.

Il Salvatore offre guarigione dal peccato sia a chi pecca involontariamente sia a chi pecca in maniera consapevole, sia a chi commette il peccato che a chi ne subisce le conseguenze, a condizione che ci pentiamo con fede.

Anche se ha il potere di riparare ciò che non possiamo aggiustare da noi stessi, il Salvatore ci comanda di fare tutto ciò che possiamo per fare ammenda, come parte del nostro pentimento.

Il Signore non pretende la perfezione oggi (Sorella Joy Jones).

Sorella Joy D. Jones

Fonte: churchofjesuschrist.org

“Il Signore ama l’impegno, perché l’impegno porta ricompense”. La nostra dedizione nei confronti del nostro progresso personale porta ricompense eterne. Le donne hanno molti ruoli, ma è impossibile e non necessario svolgerli tutti allo stesso tempo.

Dobbiamo cercare e ricevere la rivelazione personale cosicché lo Spirito possa aiutarci a decidere su cosa concentrarci ogni giorno, ed agire di conseguenza.

Vedere gli altri come li vede Dio è un dono (Douglas D. Holmes).

Fratello Douglas D. Holmes

Fonte: churchofjesuschrist.org

I rapporti interpersonali sono importanti nel nostro viaggio verso Cristo. Per sviluppare questi rapporti dobbiamo servire gli altri in modo efficace, sforzandoci di vederli con gli occhi del Padre Celeste.

Tramite noi ed il nostro esempio, le persone possono apprendere chi sono veramente e chi possono diventare. Aiutare gli altri a comprendere la loro vera identità e il loro scopo è uno dei doni più grandi che possiamo offrire e lega i nostri cuori in unità ed amore. Ricerchiamo questo dono!

Anche durante le prove più dure, possiamo sentire il tenero abbraccio del Suo amore (John A. McCune).

John A. McCune

Fonte: churchofjesuschrist.org

Nessuno è esente da sfide o prove nel corso della propria vita. Spesso dobbiamo fare cose difficili ma, con il sostegno del Salvatore, possiamo provare gioia anche nelle prove.

Se rimaniamo concentrati su Cristo, se abbiamo fiducia in Lui e accettiamo la Sua volontà, sentiremo la pace di Dio e vedremo miracoli, a Suo tempo ed a Suo modo. Ci sono dei momenti in cui l’unica speranza che abbiamo è Gesù Cristo. Egli è l’unico che manterrà sempre le Sue promesse.

Senza fede, tutto ciò che rimane è oscurità (Gary E. Stevenson).

Gary E. Stevenson - Conferenza Generale di Ottobre 2019

Fonte: churchofjesuschrist.org

Per sopravvivere ai terremoti della nostra vita, riflettiamo su queste domande: In che condizioni sono le mie fondamenta? Di che cosa sono fatte le pietre angolari della mia testimonianza?

Quali sono gli elementi del mio carattere spirituale ed emotivo che mi permetteranno di rimanere saldo ed inamovibile? La migliore difesa dagli eventi che possono destabilizzarci risiede nelle nostre fondamenta spirituali.

Dio fa il tifo per noi (Laudy R.K. Alvarez).

Laudy Ruth Kaouk - Conferenza Generale di aprile 2020

Fonte: churchofjesuschrist.org

Nessuno di noi è perfetto e tutti affrontiamo delle avversità. Alcuni di noi possono soffrire a causa di ansia, depressione, dipendenze, ma le benedizioni del sacerdozio possono aiutarci a superare queste difficoltà e a provare pace.

Dio sa di cosa abbiamo bisogno. Leggere spesso la nostra benedizione patriarcale ci aiuta a riconoscere il nostro potenziale, il piano specifico che Dio ha per noi, ci dona conforto e ci permette di vedere oltre la nostra prospettiva terrena. Inoltre, ci rammenta dei nostri doni e delle benedizioni che riceveremo vivendo in maniera degna.

Non possiamo stare con le mani in mano ed aspettarci che il Signore ci coinvolga nella Sua grande opera (Enzo S. Petelo).

Enzo S. Petelo

Fonte: churchofjesuschrist.org

Possiamo essere un faro di luce per tutte quelle persone cha mancano di fiducia in se stesse. La luce che è in noi brillerà in modo così vivido che tutti coloro con cui interagiamo saranno benedetti anche solo per essere in nostra compagnia.

Non dobbiamo aspettare che le persone nel bisogno ci chiedano aiuto, è nostra responsabilità agire come farebbe Cristo. Dobbiamo andare e fare.

Quando donne e uomini lavorano insieme ottengono molto di più di quanto otterrebbero lavorando separatamente (Jean B. Bingham).

Jean B. Bingham

Fonte: churchofjesuschrist.org

Satana ha avuto e sta avendo molto successo nel suo obiettivo di mettere gli uomini e le donne in contrasto fra loro. Egli sa che se riesce a minare l’unità tra uomini e donne, se riesce a confonderci sul nostro valore divino, sarà in grado di distruggere le famiglie, che sono le unità fondamentali dell’eternità.

Egli incita a fare confronti per creare sentimenti di superiorità o inferiorità, nascondendo la verità eterna secondo cui le differenze innate tra uomini e donne sono doni di Dio e sono ritenute ugualmente preziose. I nostri ruoli non sono in competizione, bensì sono complementari.

Abbiamo luce a sufficienza da condividere (Bonnie H. Cordon).

Figlie Amate

Fonte: churchofjesuschrist.org

Il Signore ci ha invitato a far risplendere la nostra luce, non in modo casuale, ma indirizzandola verso il Salvatore, affinché gli altri possano vedere la via che porta a Lui e possano vedere i passi da compiere per stringere alleanze con Dio.

Chiediamoci: “Chi potrebbe avere bisogno della mia luce per trovare il sentiero giusto che non riesce a vedere da solo?”. Il Signore ha insegnato che “molti sono lontani dalla verità perché non sanno dove trovarla”.

Se facciamo risplendere la nostra luce, anche uscendo dalla nostra zona di comfort, il Signore magnificherà i nostri sforzi e lo Spirito Santo ci suggerirà cosa fare.

Ciò che desideriamo in rettitudine potrà in qualche modo, un giorno, essere nostro (Jeffrey R. Holland).

Jeffrey-Holland

Fonte: churchofjesuschrist.org

Molti di noi nutrono speranze personali, legate al matrimonio, alla famiglia, ai figli, alla salute, al lavoro. Perché non sperare che i desideri retti possano essere miracolosamente esauditi dall’Iddio della speranza?

Possiamo sperare e dobbiamo sperare che i nostri desideri si realizzeranno anche quando affrontiamo le prove più insormontabili. Se perdiamo la nostra speranza perdiamo l’ultimo bene in nostro possesso in grado di sostenerci.

Dobbiamo avere speranza che le persone abbiano una maggiore devozione verso i due comandamenti più importanti: amare Dio, obbedendo al Suo consiglio, e amare il prossimo, mostrando gentilezza e compassione, pazienza e perdono.

Queste due direttive divine sono l’unica speranza che abbiamo per dare ai nostri figli un mondo migliore di quello che conoscono oggi.

Fate qualunque cosa sia necessaria per aumentare la vostra capacità spirituale di ricevere rivelazione personale (Russell M. Nelson).

Russell M. Nelson

Fonte: churchofjesuschrist.org

La rivelazione continua a fluire dal Signore. Il Signore ci guida e ci protegge. Egli non ci lascerà mai privi di conforto o accesso al Suo potere per essere aiutati. Il potere del sacerdozio può benedirvi.

Queste verità sono un’àncora nella nostra vita, soprattutto nei periodi di tempesta come quelli in cui stiamo vivendo oggi.

Ricordiamo che è possibile distinguere i messaggi del nostro Padre Celeste da quelli dell’avversario perché quelli di Satana tendono ad essere chiassosi e sfacciati, mentre quelli del Padre Celeste sono semplici, tranquilli e chiari.

Per migliorare la nostra capacità di riconoscere la voce di Gesù Cristo, seguiamo questi consigli:

  1. Ascoltiamo con l’intento di obbedire.
  2. Non facciamo affidamento solo sulle informazioni che troviamo sui social media.
  3. Immergiamoci quotidianamente nello studio delle scritture.
  4. Rechiamoci al tempio: la casa del Signore è un luogo di istruzione.
  5. Dedichiamo del tempo alla storia familiare.
  6. Affiniamo la capacità di riconoscere i sussurri dello Spirito Santo.
  7. Ascoltiamo le parole dei profeti.

Così facendo sapremo come andare avanti nella nostra vita, cosa fare nei momenti di crisi e come discernere ed evitare le tentazioni e gli inganni dell’avversario.

“La sofferenza è universale, il modo in cui reagiamo è individuale” (Ricardo P. Gimènez).

Anziano Ricardo P. Giménez - Conferenza generale di aprile 2020

Fonte: churchofjesuschrist.org

Anche se la nostra vita può essere relativamente tranquilla, per ciascuno di noi giungerà il momento in cui affronteremo sfide inaspettate e tempeste che ci spingeranno al limite della nostra capacità di sopportazione.

A prescindere dal tipo di tempesta che si abbatte su di noi, e a dispetto della presenza o meno di soluzioni, c’è soltanto un rifugio: Gesù Cristo e la Sua Espiazione. Per godere di questo rifugio, dobbiamo avere fede in Lui.

Così facendo, Egli ci ha promesso che allevierà i nostri fardelli.

Non esiste un livello di perfezione che bisogna raggiungere per qualificarsi a ricevere la grazia di Dio (Dieter F. Uchtdorf).

Dieter F. Uchtdorf

Fonte: churchofjesuschrist.org

Non c’è bisogno che le nostre preghiere siano eloquenti per essere ascoltate. Dio non fa favoritismi. Egli conosce il nostro cuore e ci ama a prescindere dal nostro titolo, dalle nostre finanze o dal numero di followers su Instagram.

Tuttavia, siamo incoraggiati a partecipare attivamente nella Chiesa di Gesù Cristo, ad immergerci nella parola di Dio, a pregare umilmente, a servire, insegnare e ministrare. Questo ci permette di crescere nello spirito, nella mente e nel carattere e ci aiuta a prepararci.

Dio si aspetta che crediamo anche quando è difficile farlo, si aspetta che raddrizziamo le spalle e sviluppiamo quella determinazione che ci spinge a fare un altro passo in avanti. Questo è il modo in cui impariamo e cresciamo.

La caratteristica migliore di qualunque casa è l’immagine di Cristo riflessa sulle persone che vi risiedono (L. Whitney Clayton).

Anziano L. Whitney Clayton

Fonte: churchofjesuschrist.org

Quali sono le case migliori?

Dalla prospettiva del Signore, l’edificazione delle case migliori dipende totalmente dalle qualità personali di coloro che vi abitano. Gli abitanti delle case migliori riservano del tempo ogni giorno per lo studio delle scritture e dei profeti viventi, per favorire la crescita personale e diventare più gentili, amorevoli e comprensivi.

Le case migliori sono come il tempio: si osservano i comandamenti e si vive in maniera tale da qualificarsi per essere degni di una raccomandazione per il tempio.

Ovunque viviate, indipendentemente dall’aspetto della vostra casa o da come sia composta la vostra famiglia, potete edificare la casa migliore per la vostra famiglia: il Vangelo restaurato di Gesù Cristo costituisce il progetto di quella casa; il Salvatore è il perfetto ingegnere, costruttore e arredatore d’interni; il Suo progetto è la perfezione e la gioia eterna della nostra anima.

Ci siamo persi qualcosa? Fatecelo sapere nei commenti e faremo di tutto per aggiornare la nostra lista di consigli.

Conferenza Generale di aprile 2020: una conferenza diversa da qualunque altra è stato scritto da Sara Mondelli